17/11/09

Carissimi tutti

Carissimi tutti,

ha ragione Artemisia a rimproverarmi di essermi allontanata dal blog senza un saluto e un pensiero per tutti quelli che mi hanno sempre seguito con affetto e simpatia. Ma capita anche questo. Anche a me che in genere sono solita ringraziare. Capita che in certi momenti tutto ti sembra vano, che non sia per gli altri importante.
Sbagliavo. E ringrazio chi mi è venuto a cercare, un po' a stanare con messaggi anche personali, perchè ne avevo bisogno.
Ringrazio Marina per avermi dedicato addirittura un post. Un gesto così non si dimentica. E ringrazio per essere tornata con Artemisia a parlarne dimostrando quanto il blog abbia dietro la tastiera persone vere.
La vita mi ha ultimamente preso non sempre per cose piacevoli e in certi momenti ho sentito tanto male da preferire la mia "tana". Non per leccarmi le ferite, ma per ripensare il senso della vita che per forza di cose ogni tanto si perde. Non amo, Marina, Facebook, ci rimango perchè a volte si affacciano miei ex-allievi che vogliono parlare con me e mi fa piacere ritrovarli a volte alle prese con le loro difficoltà:la vita non risparmia nessuno. E' la loro modalità di comunicare che accetto, mi sono venuti a cercare e questo mi ha fatto bene.
Ma io non sono per i posti veloci. E allora eccomi qui,...
Non sarò sempre assidua, ma ci sarò.
Devo anche alla Zambrano il mio ritorno. Vi ho lasciato come lei, nella convinzione, di non avere più parole da dire. Ritorno con lei con questa sua riflessione che ho letto in questi giorni:
Mi piacerebbe moltissimo – dice all'amica Reyna Rivas – che il mio nome non apparisse da nessuna parte; di scrivere, quello sì, e di esistere solo per i miei amici e per coloro che si presentano con il cuore aperto. Sono sicura, cara amica Reyna, che sarebbe l'unica cosa davvero feconda. Siamo in autunno ed è un segno: cadono le foglie di un'epoca, cadono e i semi della nuova epoca e del nuovo mondo che non sarà né nuovo né mondo se non raccoglie quel filo d'oro della tradizione: quei semi, Reyna, devono rimanere nascosti, germogliando affinché un giorno si manifestino con tutta la loro forza, lucenti, senza timore. E' il momento della germinazione e anche di fare il pane, affinché si cuocia lentamente. Non è il momento di offrirlo perché la gente non mangia, non vuole né può mangiare quel pane. Il pane della parola autentica si può distribuire e si può gustare e si potrà gustare solo al tempo opportuno. Quando ci sarà di nuovo fame, bisogno reale, di parole non più funzionali o strumentali. Di parole alimentate.
Sì abbiamo bisogno di parole alimentate, che vengano ripensate e rivitalizzate, perchè le parole come noi si ammalano ed hanno bisogno di essere curate.

27 commenti:

  1. WOW!!!! Che bello essere la prima a lasciarti un commento! Che bello che sei sulla mia piattaforma e non devo commentare come anonimo!
    Ma soprattutto ... che bello che e' tornata Giulia!!!

    RispondiElimina
  2. sono così felice Giulia di ritrovare le tue parole!
    ti abbraccio e ti abbraccio
    marina

    RispondiElimina
  3. Come sono stata contenta di trovare il tuo commento, Giulia! E sono felice di ritrovarti qui, bentornata, spero che la vita non sia stata troppo crudele con te, ciao a presto.

    RispondiElimina
  4. metto subito il tuo nuovo link!
    marina

    RispondiElimina
  5. Bentornata, Giulia
    Un abbraccio
    Elena

    RispondiElimina
  6. Bentornata.
    Il link l'ho aggiornato e sono pronto a leggerti anche qui.

    dodo712

    RispondiElimina
  7. Che bello ritrovarti! E quanto è bello questo tuo post! Si ricomincia a camminare sperando che quanto si fa con entusiasmo e passione abbia un senso e dia segni fruttuosi.
    Ti scrivo questo mio benvenuto allegando l'indirizzo web del mio blog didattico sulle tematiche relative al problema che, come un mostro, distrugge la mia terra. Come vedi è sulla stessa piattaforma su cui hai scelto di inaugurare il tuo nuovo blog. Con affetto

    RispondiElimina
  8. Non mi sembra vero di ritrovarti,Giulia.
    Sono felicissima di avere un altro appuntamento sul blog:quello di venire a leggerti quando scrivi un post.
    Un abbraccio accompagnato dal un sentito BENTORNATA!
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. Grazie davvero a tutti per il benvenuto. Sì, sono tornata e ho riflettuto molto in questo periodo, ho riallacciato fili nella vita reale ed ho constatato che c'è ancora un po' di movimento, c'è gente che ha voglia di fare e sta facendo, magari nel piccolo, ma sta facendo.
    Sono tornata anche qua perchè so che siete delle belle persone con cui ho volgia di scambiare idee, impressioni, sentimenti. C'è un legame, hai ragione Marina nel dire che c'è. Ed allora riallacciamo il nostro dialogo che non ho però mai dimenticato.

    Icare, sono andata a vedere il lavoro che stai facendo, è splendido come splendido è il commento del tuo allievo nel tuo blog. Davvero questo è insegnare. Spero che mi racconterai di più (il mio indirizzo lo sai).
    La scuola è sempre il mio "grande interesse" e sto lavorando in tutto quello che posso per questo

    D'ora in poi risponderò ai vostri commenti...
    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
  10. Giulia non sai quanto sono felice che tu sia ritornata...ma lo sai che anch'io non amo tanto Facebook...anzi per dirla tutta non ci sono mai entrato: preferisco le riflessioni più approfondite degli amici blogger, la maggior cratività che lo spazio blog consente...comunque bene, bene son veramente felice! Un abbraccio, Fabio

    RispondiElimina
  11. Bentornata tesoro.
    Adesso provo di nuovo, vediamo come va.
    Sgnapis

    RispondiElimina
  12. Molto bene direi.
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata,Bentornata Bentornata Bentornata
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata,Bentornata Bentornata Bentornata
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata,Bentornata Bentornata Bentornata
    Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata Bentornata
    Sono contenta, si è capito?

    RispondiElimina
  13. Grazie Fabio. Si facebook non fa per me, anche se può essere un modo per raggiungere in modo veloce chi vuoi contattare. Ma il blog è un'altra cosa, dipende molto da cosa vuoi nel relazionarti con le persone.

    Cara Silvia... GRAZIE; GRAZIE; GRAZIE....di essere contenta. Sai, lo sono anche io

    RispondiElimina
  14. Credo che non ci siamo mai incontrati prima, ma l'entusiasmo che si è manifestato intorno a te è talmente tanto che ho lieti presagi nei tuoi confronti.
    Bentornata!
    Giorgio

    RispondiElimina
  15. carissima Giulia....voglio fare l'originale: che piacere ritrovarti!!!! Se c'è un tempo per ogni cosa, quello del ricongiungimento mi piace sempre tantissimo :-))))
    Bentornata.....è così bello!!!!!

    RispondiElimina
  16. Bella quell'immagine splendente di foglie dorate al sole autunnale. E ben tornata anche da me. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Sì, bentornata, Giulia.
    Grazie.
    zena

    RispondiElimina
  18. grazie di essere tornata.

    Franco

    RispondiElimina
  19. Bene, Giulia. Vado subito ad aggiornare i tuoi link sia su Abbracci e pop corn che su Stanze all'aria.

    un abbraccio
    Primo

    RispondiElimina
  20. le tue parole fanno sempre bene al cuore...
    bentornata Giulia

    RispondiElimina
  21. Così felice di ritrovarti, in questa stagione di foglie che cadono e di pani che cuociono lentamente

    RispondiElimina
  22. Ciao Giulia,

    anch'io abbandono frequentemente questo mondo virtuale per disillusione. E' vero, dietro i nickname ci sono le persone, quelle vere, ma troppo spesso lo schermo del computer funge da maschera, da paravento, da collettore di ambiguità.
    Non di meno, il cyberspazio è anche un'opportunità unica per aprirsi ad incontri altrimenti impossibili, a sinergie impensabili.
    Che fare dunque? Probabilmente è meglio consumare l'esperienza a piccole dosi, rimanendo con i piedi ben saldi nel mondo reale, dove possiamo misurarci e misurare le persone con ben altri strumenti.

    SostienePereira

    RispondiElimina
  23. Caro amico, sono assolutamente d'accordo. Il mondo reale forse a volte è troppo "reale" e faticoso. Ma almeno si ha la misura della situazione.
    Grazie per essere venuto a salutarmi. un caro saluto anche a te.

    RispondiElimina
  24. Bentornata!! ti rileggo molto volentieri..
    Lucycy

    RispondiElimina
  25. ciao Giulia, vedo per la prima volta questo blog (molto bello! complimenti) e anche il tuo precedente dove hai scritto di V.Woolf ed è così che ti ho trovata. Sto cercando quante più informazioni possibili su Mr. Dalloway perchè devo presentarlo ad un gruppo di lettura nella biblioteca della mia città. Mi piacerebbe poi accompagnare la lettura con della musica. Hai qualcosa da consigliarmi?? Mi piacerebbe qualche brano rock con un testo bello sulla vita, ma accetto qualsiasi suggerimento. Grazie anticipate e complimenti ancora per il tuo lavoro.
    Luciana

    RispondiElimina
  26. Cara Luciana,

    grazie per i tuoi complimenti. Mi colgi, però, un po' di sorpresa. Amo molto la musica, ma non la memorizzo. Non sono un'esperta, insomma, come non sono esperta di nulla.
    Tornaa trovarmi, mi farai molto piacere.

    RispondiElimina