26/04/10

Sull'amicizia

Ci sono state giornate di luce in questi giorni a Torino. Giornate così limpide che quasi mi hanno fatto dimenticare che esiste l'inquinamento, le polveri sottili e quant'altro.
Ci sono sembrate più vicine le montagne ancora innevate che disegnano le loro forme imponenti sul cielo.
E sotto un cielo così azzurro mi è sembrato impossibile che possano vivere uomini e donne senza speranza, bambini abbandonati a se stessi, che il destino possa troppo spesso accanirsi così tanto e a volte in modo anche feroce contro di loro. Mi è sembrato impossibile che esista il razzismo, la prevaricazione, l'arroganza.
E mi è sembrato assurdo che possa pervadere anche noi, che in certi valori ancora crediamo, quella sfiducia che caratterizza spesso in questi tempi il nostro stato d'animo.
Mi sono detta: ci deve essere un modo, bisogna cercare un modo per opporre "resistenza" ad uno stato di cose che sembra irreversibile.
Abbiamo bisogno di questa luce, di questo sole, di questo azzurro, di queste montagne così solide e forti per comprendere che possiamo, che dobbiamo di nuovo alzare la testa e affrontare la realtà con ostinazione, attenzione, sensibilità. Lo dobbiamo fare per spargere il seme della speranza, per riutilizzare la nostra capacità creativa, per dare testimonianza e calcare la nostra "presenza". Sì, perchè noi ci siamo e dobbiamo cercarci.

E quello che in questi giorni mi ha dato più forza ed energia è l'incontro con un'amica. Un'amica che è disposta a viaggiare per incontrarmi, a dormire poco per parlare con me, per intrecciare un dialogo destinato a durare nel tempo, che vuole conoscermi e farsi conoscere senza paura di svelarsi. Un'amica accogliente che sa fare spazio nella sua mente e nel suo cuore, che si vuole confrontare con sincerità, che sa voler bene e questo è quanto basta.
Da questo stare insieme può scaturire tutto il resto. E' questa amicizia che dà senso a tutto il resto. come avevo già detto in unaltro post la Arendt dice : "Dove si realizza, infatti, un’amicizia pura lì si produce una scintilla di umanità in un mondo divenuto inumano”.
Una scintilla di umanità non è poco.
E' insieme a questi amici che puoi parlare anche dei problemi del mondo che abbiamo in comune, di quello più vicino, di quello più lontano e insieme cercare risposte per gesti e azioni concrete e quotidiane, per renderlo il più possibile migliore.
E tutto questo perchè non ti senti solo. Perchè sai che anche se commetterai degli sbagli, questo amico te lo saprà dire, ma ti saprà anche perdonare.

14 commenti:

  1. Posso solo dirti grazie senza aggiungere altro?
    :-)

    RispondiElimina
  2. questo solo un amico lo può fare, perdonare senza farsene accorgere...
    un abbraccio a te, a voi.

    RispondiElimina
  3. L'amicizia gode di un'alchimia tutta particolare, perchè un amico lo scegli, non ti capita in dote. A volte ti cade dal cielo, come una manna, infatti è un tesoro prezioso, ma che richiede cura e attenzioni perchè non vada disperso. Un amico è tante cose insieme, ma soprattutto ti vuole bene esattamente come sei. Un amico trarrà stimolo dalle diversità dell'altro, perchè da queste imparerà più da che ogni altra cosa, ma sa che ha avrà sempre due occhi attenti che sapranno leggere attraverso il suo silenzio e lo sapranno accogliere quando sarà a terra.
    Il mondo sarebbe diverso se fosse fatto di amici, per questo, due amici, tre amici, hanno il dovere di dare l'esempio: al mondo si potrebbe vivere meglio. La Arendt ha ragione, la buona società che s'impegna per questo ha ragione, le istituzioni che si impegneranno per questo avranno ragione.
    Intanto noi godiamo dell'essere amici, per coloro che hanno il privilegio di poterlo dire.
    Grazie:)*

    RispondiElimina
  4. la tua amica è fortunata
    anzi lo siete entrambe
    marina

    RispondiElimina
  5. È bello poter avere vicino gli amici, bello e difficile perché sono tanti i casi della vita che cercano di diverti da essi. Le tue parole mi hanno fatto riflettere sole pochissime amiche di vecchia data che ho, forse ci accomunano oramai solo i ricordi di gioventù, per il resto la lontananza, il lavoro, la famiglia ci hanno piano piano separate. È un peccato, ma forse è la prova che l'amicizia vera, profonda, si mantiene viva nel tempo e in mezzo agli inevitabili ostacoli della vita. Se si sfilaccia e si scolora, forse non era così salda.
    Mi dispiace favvero.
    Un abbraccio, Annarita

    RispondiElimina
  6. è veramente bella un'amicizia così sincera, costruttiva...non è facile trovare chi sia disposto a mettersi in gioco... e, come dici tu, sono momenti preziosi che aiutano a "far scaturire tutto il resto"...
    lo sai? I tuoi post sono sempre carichi di umanità...grazie! Cristina.

    RispondiElimina
  7. Per conoscere Giulia non c'e' distanza che tenga. :-)

    RispondiElimina
  8. L'amicizia riscalda il cuore...e molto di più...

    RispondiElimina
  9. Amicizie così sono talmente rare e preziose che ti fanno sentire privileggiata. Tienila stretta!

    RispondiElimina
  10. cara Giulia, la tua amica si sposta per incontrarti ed è una bella cosa, ma tu ti disponi ad accoglierla, e questo è ancora più bello. Venirsi incontro :-)

    RispondiElimina
  11. Gesti preziosi e ormai molto rari. Ci lamentiamo un pò tutti di come vanno le cose oggi, di come la società è cambiata...e forse non ci rendiamo ben conto di come, subdolamente, sta riuscendo a cambiare tutti noi, sempre meno disposti ad aprirci, a fidarci, ad "incontrarci"... Ho sempre pensato che un amico/a vero, collaudato, sia "famiglia", perchè anche in questo caso ci si sceglie.

    RispondiElimina
  12. Non sapevo fossi di Torino ,anche io ho visto quella luce,la vedo spesso nello sguardo di amici di sempre e anche nuovi che non mi giudicano ,mi criticano ma mi amano comunque e mi perdonano.Grazie sempre Giulia,ci vogliono parole d'amore oggi più che mai per scuoterci dal torpore.
    Tinti

    RispondiElimina
  13. Siete entrambe fortunate, l'amicizia tra donne è un bene prezioso, da custodire con cura. Io avevo amiche così, in gioventù, ma il tempo me le ha portate via, purtroppo. Ora non ne ho più. Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  14. Un amico sa soprattutto ascoltare, accogliere le parole senza giudicarle...

    RispondiElimina