31/08/10

Mi sono moltiplicato per sentire


Tutta la letteratura consiste in uno sforzo per rendere la vita reale. I bambini sono molto letterati perché dicono in che modo sentono e non in che modo deve sentire colui che sente secondo un'altra persona. Un bambino che ho sentito una volta, volendo dire che era sul punto di piangere, non ha detto "ho voglia di piangere", ma "ho voglia di lacrime". E questa frase riferisce risolutamente la presenza calda delle lacrime che cadono dalle palpebre coscienti dell’amarezza liquida. Dire! Saper dire! Saper esistere attraverso la voce diretta e l’immagine intellettuale! Tutto questo è quanto vale la vita: il resto sono uomini e donne, amori immaginari e vanità fittizie, sotterfugi della digestione e dell’oblio, persone che si dimenano come animaletti quando si alza una pietra, sotto il grande pietrone astratto del cielo azzurro senza senso.
Da Il libro dll'inquietudine

Uno sperimentatore violento e straripante, suscitatore di avanguardie, come Álvaro De Campos, un desolato nichilista come Bernardo Soares, un poeta metafisico ed ermetico come Fernando Pessoa, un neoclassico come Ricardo Reis e, dietro a tutti, un maestro precocemente scomparso: Alberto Caeiro. Ebbene: tutti questi autori, tutte queste opere, tutti questi destini furono "una sola moltitudine", perché nascevano tutti dall'invenzione dissociata e proliferante di una sola persona, l'anagrafico Fernando Pessoa, oscuro impiegato di una ditta di Lisbona , dove aveva l'incarico di scrivere lettere commerciali in inglese. E quelli che abbiamo citato sono solo i più importanti fra gli scrittori "inventati" da Pessoa: finora i suoi manoscritti hanno rivelato tracce e frammenti di ventiquattro autori”. "Un baule pieno di gente" Pessoa, dice il suo traduttore A. Tabucchi - ci ha lasciato «i suoi molteplici spiriti ben impachettati in fascicoli manoscritti tenuti con lo spago e contrassegnati da firme diverse».

Non un uomo, tanti uomini, che vivono dentro di lui fin dall’infanzia, suoi compagni di vita, come racconta in una lettera indirizzata all’amico Adolfo Casais Monteiro nel 1935

“Ebbi sempre, da bambino, la necessità di aumentare il mondo con personalità fittizie, sogni miei rigorosamente costruiti, visionati con chiarezza fotografica, capiti fin dentro le loro anime. Non avevo più di cinque anni, e , bimbo isolato e non desideroso se non di stare così, già mi accompagnavano alcune figure del mio sogno, un capitano Thibeaut, Chevalier de Pas e altri che ho dimenticato […]. Figure chiare e visibili nel mio sogno costante, realtà esattamente umane per me, qualunque fantoccio, poiché irreale, le aveva sciupate. Erano gente”.

“Sono oggi il punto di riunione di una piccola umanità solo mia”.

“Mi sono moltiplicato per sentire,
per sentirmi, ho dovuto sentire tutto,
sono straripato, non ho fatto altro che traboccarmi,
e in ogni angolo della mia anima c'è un altare a un dio differente.
(da "Passaggio delle ore"- Poesie di Álvaro de Campos

“La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò vediamo, ma ciò che siamo.”

Uno stato di inquietudine, quello di Pessoa, che non è momentaneo, ma la sua modalità di essere e di sentire: non c'è alcuna certezza, nessun barlume che indichi cosa è reale, cosa non è reale, questa è l'unica consapevolezza, non si può sapere se è realtà né il mondo né noi stessi:

Perso
nel labirinto di me stesso, già
non so quale strada mi conduce
da esso alla realtà umana e chiara
da Primo Faust

6 commenti:

  1. Bellissimo post, Giulia! Se ho ben capito la letteratura come condizione d'esistenza, unica certezza.
    Grazie,
    Giacinta

    RispondiElimina
  2. Già il viaggio è il viaggiatore e un resistente al viaggio come sono io è giustificato -:)

    RispondiElimina
  3. ho riletto Il libro dell'inquietudine proprio quest'estate e Pessoa lascia tracce di volta in volta più profonde. So che Botelho ne sta preparando la versione cinematografica...Immagino anche tu ne sia curiosa. Un abbraccio cara Giulia

    RispondiElimina
  4. Thanks for your comment on my blog. Have a nice day.
    Regards

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti e un caro saluto

    RispondiElimina