12/10/10

Fotografare e disegnare per Cartier-Bresson

Fotografare e disegnare
- visti in parallelo -


La fotografia è per me l'impulso spontaneo di un'attenzione visiva perpetua che capta l'istante e la sua etenità.


Il disegno per la sua grafologia, elabora quello che nostra coscienza ha colto di quell'istante.

La fotografia è un'azione immediata, il disegno, una meditazione.

8 commenti:

  1. Eppure quel fiore che guardo con un numero infinito di scatti assomiglia ad un andare oltre la percezione, ed è meditazione assaporare l'indizio dell'assoluto, quell'istante dove si compie l'esistenza...
    :-)

    RispondiElimina
  2. gli istanti, infatti, hanno vita propria ed eterna, non si muovono, loro sì che restano
    ciao e grazie della visita
    remo bassini

    RispondiElimina
  3. I love the picture of the girl in the square of light.
    A painting usually takes more time to create than a photo.

    RispondiElimina
  4. però anche il disegno può essere immediato, a volte capita!
    e secondo la testimonianza di una grande fotografa come Amatamari, anche per una foto può accadere il contrario. Non so chi mi credo di essere per smentire un grande come Cartier-Bresson, ma ormai ho detto!
    ;-)
    un bacio Giulia

    RispondiElimina
  5. amatamari, credo che il pensiero di Cartier-Bresson sia relativo al suo particolare modo di vedere èittura e fotografia, ma che si possa vedere in modo diverso a seconda della propria sensibilità e uso dello strumento. Guardando le tue foto mi sembra che per te sia esattamente come dici.
    Ma a me piace proprio capire cosa spinge un artista a fare quello che fa, ognuno nella sua originalità.

    Ciao, Remo, ma fa molto piacere che tu sia passato anche di qui.

    Grazie akarui per la tua presenza.

    Arnicamontana, non stai smentendo Cartier-Bresson, ma semplicemente sono diversi i modo di vedere, come dicevo ad amatamari. E' bella la differenza.

    Un abbraccio e un grazie a tutti

    RispondiElimina
  6. Mi ritrovo molto nell'ultima osservazione. La fotografia ci impone spesso di cogliere l'attimo (io parlo da dilettante e in questo campo son molto istintivo). Il disegno lascia più tempo per pensare, per indugiare su particolari e sfumature. Il disegno, dunque, nasce più lentamente, concede più tempo per riflettere al suo autore. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
  7. bellissime le immagini, profonde le riflessioni.

    RispondiElimina
  8. Ciao!

    ho creato un gruppo su facebook per tentare di riunire e pubblicizzare un gran numero di blog italiani. Mi sembra un modo carino e comodo per potersi confrontare e aumentare la visibilità dei nostri blog!
    Se sei interessato, unisciti a noi e pubblica il link del tuo blog sulla pagina di facebook:
    http://www.facebook.com/#!/group.php?gid=153706914659766&ref=ts
    oppure cerca “Blogger Italiani”. Se l’iniziativa ti piace, aiutaci a diffonderla presso amici e/o blogger!

    GRAZIE!
    Ale

    RispondiElimina