18/05/11

Esssere insegnante...

Ho sempre avuto l'impressione, nel mio lavoro, di vivere una situazione schizofrenica. Di mestiere faccio l'insegnante in un'università; quindi dovrei partecipare al compito di nutrire giovani menti, ciascuna secondo il percorso e al passo che le sono più appropriati, dell'inesausta ricchezza di una tradizione culturale e delle invenzioni che continuano a rinnovarla sottolineando in particolare, in quanto insegnante di filosofia, le domande, le obiezioni, i dubbi da cui nascono quelle invenzioni e che sono naturalmente in sintonia con la curiosità e l'impertinenza di una giovane mente. Sono anche, però, un funzionario che ha l'incarico di valutare gli studenti e mediante tali valutazioni aprire o chiudere loro l'accesso alle professioni più stimate e meglio retribuite. Le due mansioni mi creano regolarmente conflitti: la generosità, l'indulgenza e il coinvolgimento emotivo che caratterizzano un buon insegnante si scontrano con la ritrosia, la severità e la freddezza richieste a un giudice; la tendenza a dire e dare di più "inquina" i responsi oggettivi che ci si aspetta da un diligente esaminatore. A lungo andare, mi sono convinto che questi conflitti non sono nocivi, anzi forse sono provvidenziali, purché sostenuti con l'atteggiamento giusto. Quel poco o tanto di libertà che l'educazione e la filosofia possono offrire lo dispenseranno sempre in modo obliquo, indiretto, facendo (anche) dell'altro. Ma questa è l'unica vera forma di liberazione: le rivoluzioni cosmiche lasciano il tempo che trovano; l'affrancamento dai pregiudizi, dalla falsità, dall'oppressione intellettuale (come preludio a quella fisica) non può essere che uno sforzo certosino e interminabile di smussamenti di piccoli angoli, di evocazione di piccole radure di speranza. Anche i miei studenti saranno funzionari, un giorno; quindi l'insegnamento, cioè l'esempio, più utile che posso dare loro è come amministrare un ufficio senza esserne amministrati, come mantenersi svegli ai comandi, come affrontare le trite occupazioni quotidiane con umanità, con creatività, con un pizzico d'ironia. Come non essere inghiottiti e digeriti dall'istituzione: non trasformarsi in "insegnanti" totalmente identificati con il loro ruolo di giudice o "studenti" preoccupati solo di tenere alta la media dei voti.
Ermanno Bencivenga- La filosofia come strumento di liberazione

8 commenti:

  1. Ciao Giulia, credo che il tuo lavoro possa darti tanti problemi ma tante volti una cosa che lo costati che ha fatto bene a qualcuno sei subito ripagata.
    Complimenti per la tua difficile professione.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. L'insegnamento è una vocazione alla quale io non ero portata.
    Ottima scelta e complimenti a chi lo svolge con serietà e passione.

    Baci

    RispondiElimina
  3. Una missione quella dell'insegnante mai sufficientemente sostenuta dallo stato e spesso nell'occhio del ciclone. Troppe critiche ingenerose da parte delle famiglie e dei media. Occorrerebbe più attenzione e rispetto nei confronti di chi esercita questa professione. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
  4. Interessanti riflessioni, in cui mi ritrovo anch'io. Il momento della correzione degli elaborati e dell'attribuzione dei famigerati voti è sempre critico per me. Pagherei perché un altro lo facesse al posto mio, fosse per me, spiegherei solamente. Ciao, carissima Giulia, torno dopo un po' di silenzio perché ero e sono, appunto, oberata dai compiti da correggere...

    RispondiElimina
  5. Una bella riflessione, fatta con rigore e sincerità, domande che ogni buon insegnante dovrebbe porsi.
    Valutare è sempre difficile, ma quando lo si fa con serenità e il giusto equilibrio credo che diventi più semplice.
    Un carissimo saluto.
    Piera

    RispondiElimina
  6. Studio filosofia al secondo anno, università di bologna. Sarebbe un sogno quello dell'insegnamento.. ma questa Italia ti concede come unica possibilità di scelta, la fuga.

    RispondiElimina
  7. Quanta passione e quanto rigorosità nelle parole di Bencivenga. Non si può che condividere il suo pensiero.

    RispondiElimina