18/06/11

Il silenzio...

"Il silenzio ci insegna a parlare, ci aiuta a discernere il peso delle parole, porta a interrogarcin su quanto abbiamo detto e sentito: nessun mutismo, ma quel silenzio che restituisce ad ogni parola un significato, che impedisce ai suoni di diventare rumori, che trasforma "il sentito dire" in ascolto. Il silenzio, allora, come custodia del fuoo che arde nel nostro cuore, come custodia delle nostre motivazioni più profonde, occasione di uscita dal vortice: con il silenzio possiamo scendere dalla giostra, smettere di ruotare senza avere mai in mano la direzione. Grazie al silenzio, quante potenzialità ritorvate nell'esercizio dei nostri sensi: se per percepire meglio un gusto particolare chiudiamo gli occhi, perchè non renderci conto che il silenzio affina lo sguardo, l'udito, il tatto..."

Da: Ogni cosa ha la sua stagine di Enzo Bianchi

7 commenti:

  1. Sacrosante parole, cara Giulia.
    Il silenzio affina tutti i nostri sensi e ci permette di uscire dal vortice...
    E' così.
    Ciao Giulia, buona serata e a presto.
    Lara

    RispondiElimina
  2. Buona domenica cara Giulia, Tante volte anche il silenzio a le sue voci.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Cara Giulia, non si può che esser d'accordo con le parole di Enzo Bianchi!

    un caro saluto

    RispondiElimina
  4. Come si fa a non essere d'accordo con questo testo? Meglio un lungo silenzio d'ascolto che mille parole gettate al vento.

    RispondiElimina
  5. Il silenzio è un'arma potente. Sia nel conoscere che nel ferire. Racchiude nel suo nocciolo tante sfumature. A volte urla di soffocate parole inespresse a causa dell'ignoranza nel dare nomi alle cose. Altre è amore mostrato o taciuto. Il silenzio fa paura, anche quando fa del bene.

    RispondiElimina
  6. Che coincidenza, riflettevo sul valore del silenzio proprio stamattina, mentre attraversavo la scuola vuota per andare nell'aerchivio. La mancanza delle voci dei bambini mi sembrava una sorta di de profundis a questa nostra povera scuola pubblica sempre più maltrattata e im poverita. Un abbraccio, Annarita

    RispondiElimina