05/10/11

La luce di ogni istante è un dono

Ora credo di aver imparato che cosa significa amare: essere capaci, non di prendere iniziative di rilancio di sé e di "esagerazione", ma di essere attenti all'altro, di rispettare il suo desiderio e i suoi ritmi, di non chiedere nulla ma imparare a ricevere e ricevere ogni dono come una sorpresa della vita, ed essere capace, senza alcuna pretesa, sia
dello stesso dono sia della stessa sorpresa verso l'altro, senza usargli la minima violenza. Insomma, la semplice libertà. Perché mai Cézanne avrebbe dipinto la montagna Sainte-Victoire a ogni istante? Perché la luce  di ogni istante è un dono.

In questo modo, la vita può ancora, nonostante i suoi drammi, essere bella. Ho sessantasette anni, ma mi sento finalmente - io che non ho avuto mai giovinezza, perché non sono stato amato per me stesso - giovane come non mai, anche se non sarà per molto.
Sì, in questo modo l'avvenire dura a lungo.

Louis Althusser - L'avvenire dura a lungo


8 commenti:

  1. Bellissime parole!!! e bel quadro, naturalmente!!!
    Adoro gli impressionisti!!!:))

    RispondiElimina
  2. Ciao, Giulia. Non aggiungo altro a parole così belle se non il mio saluto per te.:-)

    RispondiElimina
  3. Parole profonde, ma forse non molto generalizzabili.

    RispondiElimina
  4. Hai scelto davvero un bel brano.

    Un abbraccio cara e buon venerdì!

    RispondiElimina
  5. "Perché la luce di ogni istante è un dono."
    E se quella luce è intesa anche come "conoscenza" che arriva a noi in ogni istante da ogni essere e da ogni cosa...l'avvenire diventa persino eterno...

    RispondiElimina
  6. Cezanne che Grande!!! E lui sapeva che cos'erano le luci. L'anno scorso a Genova, alla mostra "Mediterraneo", di fronte ad un quadro di Cezanne...l'emozione è stata tanto grande che non sono riuscita a trattenere le lacrime.
    Buona giornata
    Bruna

    RispondiElimina