17/06/12

L'umiltà, una dote rara


 Gli intellettuali hanno grandi colpe. «Siamo stati e siamo noi intellettuali ad aver continuamente fatto le cose più cattive per viltà, per presunzione, per orgoglio. Noi, che abbiamo un particolare obbligo verso coloro che non potettero studiare, siamo i traditori dello spirito (...). Abbiamo inventato e propagato il nazionalismo (...), seguiamo tutte le mode stupide. Vogliamo metterci in mostra e parliamo un linguaggio incomprensibile, fatto solo per impressionare, erudito, artificioso (...)». L'arroganza, la prepotenza, la saccenteria, la vanità intellettuale sono questi i vizi cui sono più inclini gli intellettuali. «Ma anche la crudeltà non è un vizio affatto sconosciuto tra noi intellettuali. Nel campo della crudeltà anche noi abbiamo prodotto qualcosa. Si pensi soltanto ai medici nazisti che uccidevano anziani e malati, già prima di Auschwitz e della cosiddetta "soluzione finale" della questione ebraica».

"invece di posare a profeti, noi dobbiamo diventare i creatori del nostro destino. Noi dobbiamo imparare a fare le cose nel miglior modo possibile e ad andare alla ricerca dei nostri errori". "Non dobbiamo più cercare di posare a profeti onniscienti. ma questo significa che: dobbiamo cambiare noi stessi".
Karl R. Popper

7 commenti:

  1. Spero di non peccare di presunzione ( visto l tema del post ) se dico che è una cosa che ho sempre pensato. Straordinaria sintonia tra noi due, oggi, Giulia. Il post che ho pubblicato verte proprio sul problema del linguaggio e dell'ambizione dei critici a creare "massimi sistemi" lontani anni luce dalla terra.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Si assomigliano tutti gli alacri manovali, privilegio a padrone

    RispondiElimina
  3. Gli intellettuali sono , semplicemente, delle puttane.

    RispondiElimina
  4. Un post bellissimo che ci deve far riflettere anche su noi stessi.

    Un abbraccio e buon mercoledì.

    RispondiElimina
  5. mi piace molto "fare le cose nel migliore modo possibile", che è come dire vivere cercando di fare il meno male possibile. Un bacio Giulia

    RispondiElimina
  6. Grazie Giulia.
    Le riflessioni che proponi sono particolarmente utili in questo nostro mondo.
    Ti abbraccio,
    Lara

    P.S. Scusa, ne approfitto per salutare Arnicamontana che mi manca da tempo.
    Ciao Arnica, ti auguro un sereno fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Tutto vero, fa riflettere anche chi intellettuale non è ma che fa un mestiere come il nostro.

    RispondiElimina