27/01/15

Ci resta solo la domanda.

All'indomani della tormenta, di fronte a un mondo inorridito, i reduci dei campi non facevano che ripetere: "Voi non potete capire, voi non potete capire". Poi, per ragioni spesso nobili e sempre umanitarie, hanno tentato: bisognava pur sensibilizzare gli uomini, avvertirli di certi pericoli, mostrare loro le strade su cui è pericoloso incamminarsi. Ogni volta dovevano farsi violenza per lasciarsi andare anche solo in parte, per parlare di cose intime - c'è cosa più intima del dolore, della morte? - e, ogni volta, la partita era perduta in anticipo. L'ascoltatore non capiva o capiva male.

(...) Ciò che sto dicendo non lo dico senza disagio e ancor meno senza tristezza. Ma non credo di avere il diritto di non dirlo. In un certo senso ho raccontato un po' del mio passato non perché lo conosciate, ma perché sappiate che non lo conoscerete mai.
(..) Ma allora, mi direte, che cosa ci resta? La speranza malgrado tutto, nostro malgrado? La disperazione forse? O la fede?.
Ci resta solo la domanda.
Elie Wiesel - Credere o non credere - Giuntina

Ci resta solo la domanda a poterci guidare. Nessuna commemorazione ha valore se diventa un rito vuoto di significato. Le parole, di fronte all'abisso lasciato da Auschwitz e da tutti gli altri campi di concentramento e di sterminio, si sentono inadeguate, lontane da ogni significato che potrebbe rendere l'orrore che sta davanti a noi, "respingono il senso" - dice Wiesel - "sono in esilio".
Tanto più che non sembra che si sia ancora imparato molto. Quando l'uomo diventa un oggetto, quando la sua vita, la sua dignità conta meno che niente, quando è un numero dentro una statistica asettica, allora forse, siamo ancora in pericolo o comunque lontani da un processo di umanizzazione vera e soprattutto incarnata. 

2 commenti:

  1. Una riflessione dura, scomoda da accettare, come lo è quasi sempre la verità.
    Grazie, Emilia.
    Piera

    RispondiElimina
  2. Emilia!!!! Bentornata!!! ogni tanto passo di qui e oggi trovo questo regalo. Grazie, un abbraccio.

    RispondiElimina