27/10/16

Amate i vostri stessi problemi

Sforzatevi di amare i vostri stessi problemi, ciascuno come una camera che vi fosse chiusa, come un libro scritto in una lingua straniera.
Non cercate per il momento delle risposte, che non possono esservi date, perché non sapreste metterle in pratica, viverle. E, precisamente, si tratta di vivere tutto.
Per il momento non vivete che i vostri problemi. Forse, vivendoli, in semplicità, finirete un giorno per entrare insensibilmente nelle risposte.
Può darsi che portiate in voi il dono di plasmare, di creare un modo di vita particolarmente felice e puro. Proseguite in questo senso, – ma anzitutto confidate in ciò che verrà.
Rainer Maria Rilke, “Lettere a un giovane poeta”

Nessun commento:

Posta un commento