13/04/17

Le azalee, un dono a mia mamma

Le azalee sono state davvero splendide e continuano ad esserlo; le ho piantate solo questa primavera e hanno cominciato a fiorire quasi subito, e l'angolo riparato in cui si trovano è come se fosse riempito di tramonti imprigionati e perpetui. Arancio, rosa in ogni delicata sfumatura... che cosa saranno l'anno prossimo e negli anni successivi quando i cespugli diventeranno più grossi posso immaginarlo dal modo in cui si sono affacciate alla vita.
Elizabeth von Arnim, Il giardino di Elizabeth 


Le azalee sono fiori delicati e pieni di vita. Curarli nel tempo è seguire i loro passi, intuire i momenti che soffrono (quando sono troppo al sole, quando sono troppo o poco bagnate, quando hanno bisogno di terra o di nutrimento). 
Le mie vivono in vaso e sono quindi ancora più fragili, ma alcune sono entrate nella mia casa quando c'era mia mamma che le adorava. Gliele regalavo sempre una ogni primavera e oggi sono sopravvissute a lei e di lei mi parlano. 
Continuo a regalargliele ogni anno, non so perché, ma la tradizione continua. E' una delle poche abitudini che conservo nel mio cuore. Per il resto il mio mondo è sempre in cambiamento.

Nessun commento:

Posta un commento