11/09/17

Buon anno scolastico...

Robert Doisneau
Inizia la scuola e come sempre ogni giornale celebra questo giorno. C' è molto malcontento tra gli insegnanti, c'è preoccupazione tra i genitori, e tra insegnanti e genitori sembra essere diventato sempre più difficile il dialogo, prevale la diffidenza e a volte lo scontro.  leggiamo la fatica di ogni insegnante a rimettersi in cammino per affrontare un nuovo anno scolastico, tocchiamo con mano la paura dei genitori di essere essi stessi inadeguati.
Ad aggravare questo senso diffuso di sfiducia, delusione, questo  senso di impotenza è una politica non solo latitante, ma deleteria, che nulla ormai da tanti anni sa pensare per una scuola che sia di tutti e per tutti, che ha appesantito la scuola con una burocrazia sempre più vuota che ostacola, invece che favorire il lavoro già difficile degli insegnanti.

Dispiace, però, che la disillusione abbia oscurato negli insegnanti l'importanza che essi hanno e la consapevolezza che la nostra presenza e attenzione verso i bambini e i ragazzi può fare la differenza.

Il nostro lavoro è essenziale quando è capace di trasformarsi in ricerca continua, quando siamo capaci di tenere il timone anche nella tempesta, perché nella barca portiamo dei ragazzi che si affidano a noi anche quando sembrano rifiutarci. Di loro siamo responsabili in prima persona, siamo responsabili anche del nostro agire “morale” al di là di quello che succede intorno a noi.
Noi siamo portatori delle storie dei nostri alunni, siamo i loro portavoce, solo noi possiamo costruire la scuola di cui hanno bisogno.  

Bisogna aver ben chiaro che il nostro compito non è tanto e solo seguire i programmi ministeriali, le linee predisposte dagli esperti più o meno competenti, siano essi di destra o di sinistra, ma quello di andare sempre “oltre” avendo sempre in mente l’interesse del bambino e del ragazzo nella sua unicità e individualità, come diceva il titolo di un film: “non uno di meno”.
Questo lo possiamo fare noi, attraverso la nostra azione quotidiana e il nostro pensiero e la nostra riflessione.

"L’uomo può avere un posto nella storia in varie maniere: passivamente o in forma attiva. Il che si realizza pienamente solo quando si accetta la responsabilità o quando la si vive moralmente".
Maria Zambrano, Persona e democrazia

Ho sempre creduto nella scuola, ma soprattutto ho sempre creduto in quel particolare rapporto che si può creare tra maestro e allievo. Si dice che è difficile comunicare con i giovani e non ci chiediamo abbastanza se non sia invece difficile per i giovani comunicare con gli adulti, trovare quegli spazi in cui sia ancora possibile quel dialogo che sa trasformare sia l'uno che l'altro. Fin da piccoli hanno tante sollecitazioni e pochi momenti in cui indugiare sulla vita e contemplarla. Sembra quasi che oggi gli adulti siano muti di fronte alle generazioni più giovani e alle loro domande che così non trovano la strada della parola. La scuola viaggia lontano dalla loro realtà e, se hanno tanti insegnanti di matematica, italiano, inglese..., sono sempre più rari quelli che sanno intrecciare la cultura con la vita in modo da vivificarla.
"Insegnare seriamente è toccare ciò che vi è di più vitale in un essere umano. E' creare un accesso all'integrità più viva e intima di un bambino o di un adulto"
George Steiner

1 commento:

  1. Bello e interessante quest'articolo, come lo sono sempre i tuoi. E in questi giorni non potevi proporre un testo migliore. E' proprio vero, la scuola, ma un po' tutti noi adulti, siamo sempre più distanti dai nostri ragazzi, non sappiamo creare empatia, logorati anche da mille impegni che ben poco hanno a che fare con un insegnamento "vero", genuino, sincero. Il disincanto degli insegnanti, la stanchezza di cose spesso inutili, e in generale "la fatica del vivere", uccidono l'entusiasmo, il desiderio di far bene, con l'unico risultato di non riuscire più a comunicare nè tra adulti nè tantomeno con i giovani. Grazie sempre, Emilia.
    Piera

    RispondiElimina