25/11/18

Ho sempre desiderato scrivere

Ho sempre desiderato scrivere, persino quando andavo a scuola e nulla di quello che si faceva in quelle aule destava in me interesse. Desideravo scrivere per trovare forse un luogo, uno spazio in cui depositare le tempeste emotive da cui spesso mi sentivo travolgere, desideravo scrivere per dire quello che non riuscivo ad esprimere parlando, desideravo scrivere per sfogarmi, per piangere, per ridere in quella stanza di solitudine che è il foglio bianco di fronte a cui ti trovi.
Ed è forse questo che, inconsapevolmente, cercavo: la solitudine.
Il rumore, le chiacchiere, l'essere immersi nel mondo non permette la scrittura.

E' solo quando prendi contatto con te stessa, ti ascolti e lasci che la tua voce parli che tu puoi pensare, è solo quando la penna comincia a muoversi nelle tue mani e cammina quasi mossa da un motu proprio, che il tuo pensiero diventa parola scritta.

Ma quando vuoi scrivere devi essere fedele all'impegno che ti sei preso, fedele a te stesso, fedele al tuo appuntamento col silenzio.
Ed io non lo sono mai stata. Mi sono lasciata travolgere dalla vita, mi sono lasciata sopraffare dagli impegni e il tempo volava via ed io ne sono rimasta travolta...

Eppure mi sembrava di aver molte cose da dire, da confidarmi, da depositare per pensarci meglio, per riflettere, per ritrovare senso e significato ad una vita che corre, corre senza mai fermarsi, e io dietro a lei...

O forse semplicemente mi è sembrato sempre tutto sciocco, irrilevante, non degno di nota quello che avrei voluto dire. E così forse mi sono persa.
Ogni tanto mi è capitato di scrivere su questo blog, ho annotato, lasciato appunti, riflessioni, pensando un giorno mi organizzerò meglio.
Continuo a non farlo.
Forse scriverò così come mi viene, quando mi viene, o forse questo è un inizio, un nuovo inizio.
Chissà.

2 commenti:

  1. Ciao Emilia,
    sei come un pozzo da cui emerge costantemente una conoscenza ed una consapevolezza rara, di cui tutti abbiamo sempre più bisogno. Ogni volta che incrocio un tuo post mi fermo, rifletto, a volte mi commuovo. La tua scrittura è chiara e luminosa e mi piace molto. Ha un dono: aiuta tutti a vivere meglio la propria vita, perché scava in profondità. Lo stesso dono che hanno i grandi scrittori. Grazie per la tua scelta di condividere tutto questo anche attraverso la forma snella e frammentaria del blog. Non smettere mai...semmai espanditi. :-)

    RispondiElimina